Passa ai contenuti principali

Astensione degli avvocati dal 15 al 23 marzo: il nostro studio non aderisce

Dal 15 al 23 marzo 2012 l'OUA (Organismo Unitario dell'Avvocatura) ha proclamato un nuovo periodo di astensione dalle udienze (erroneamente definito nell'opinione comune come "sciopero" degli avvocati).

Le motivazioni sono analoghe a quelle già espresse nelle due precedenti giornate di astensione (23 e 24 febbraio).

L'Organismo protesta, in particolare, per le scelte che sta effettuando il Governo in materia di liberalizzazioni tra cui l'abolizione delle tariffe, l'ingresso ai soci di capitale negli studi legali oltre ad alcune decisioni in materia di "geografia giudiziaria" che prevedono lo smantellamento di una serie di uffici di piccole dimensioni.

Ciò premesso, sebbene non sia condivisibile in gran parte quanto sta proponendo il Governo in materia di professioni ed in particolare in materia di giustizia, non crediamo che un'altra settimana di astensione sia la forma più giusta di far sentire la nostra voce di avvocati.

Lo strumento dell'astensione dalle udienze, infatti, produce unicamente danni ai nostri clienti che si vedono costretti a "subire" loro malgrado rinvii di mesi delle udienze senza poter fare nulla e ad allungare così ancor più il tempo necessario per ottenere un provvedimento giudiziario nell'ambito dei contenziosi in cui sono coinvolti.


Vale la pena sottolineare il concetto che l'astensione è cosa ben diversa dallo sciopero, forma di protesta di grande dignità storica legata all'esperienza del lavoro subordinato e non a quello dei professionisti.

L'avvocato, come ogni professionista, non è legato da un vincolo di subordinazione con il proprio datore di lavoro, ma la sua opera si caratterizza proprio per essere "libera" e autodeterminata, senza condizionamenti di sorta.

Allora forse lo sciopero (rectius l'astensione dallo svolgere la propria attività) non è la forma più adatta di protesta contro decisioni legislative seppur discutibili.

Dobbiamo, invece, discutere, dialogare, proporre facendo arrivare idee concrete a chi deve elaborare proposte di legge che tengano conto non soltanto dei nostri interessi di categoria, ma anche della domanda di giustizia dei nostri clienti a cui ogni giorno lo Stato non riesce a dare risposta.

Purtroppo non ci riusciamo poichè la categoria degli avvocati non ha mai maturato una sua reale identità e soprattutto una vera unità di intenti, viste le divisioni e gli interessi particolaristici che la contraddistinguono.

Non ha, dunque, senso astenersi dalle udienze per ricevere (forse...) pochi istanti di pubblicità sui canali di informazione e migliaia di rinvii in tutti gli uffici giudiziari soltanto a danno dei nostri clienti quando non siamo neppure tutti convinti sui motivi della protesta.

In questa situazione, dunque, piuttosto che parlare di liberalizzazioni Governo e Parlamento dovrebbero impegnarsi a trovare idee e strumenti che riescano a risolvere la crisi strutturale in cui versa ormai da anni la Giustizia nel nostro Paese in cui mancano risorse, gli organici sono insufficienti, gli uffici giudiziari sono ormai inadeguati alle loro funzioni e non si investe concretamente nella tecnologia per favorire lo sviluppo e ridurre le spese.

A queste cose purtroppo il Governo non dà ancora una risposta poichè è troppo impegnato a preoccuparsi di eliminare o meno le tariffe o di far rilasciare un preventivo ai clienti degli avvocati, ma non la riescono a dare neppure le nostre istituzioni forensi, per altro verso impegnate (pur giustamente) solo a criticare le scelte della politica, non essendo neppure realmente rappresentative degli interessi della base.

Purtroppo, in questo desolante quadro, a rimetterci sono soltanto la Giustizia e il diritto alla difesa tanto caro alla nostra Costituzione che continua ad essere negato a tutti i clienti che quotidianamente ci chiedono di essere aiutati.

Per questi motivi, stavolta, non ci sentiamo di arrecare ulteriore danno ai cittadini che si sono rivolti al nostro studio per tutelare i loro diritti e, dunque, non aderiremo all'astensione.

Commenti

Post popolari in questo blog

Inoltrate le prime due richieste di decreto ingiuntivo europeo dallo Studio

In data odierna sono state inoltrate a mezzo posta, presso due uffici giudiziari di altrettanti Stati membri dell'Unione (Spagna e Bulgaria), per conto di una società cliente dello Studio le prime due richieste di decreto ingiuntivo europeo nei confronti di società con sede all'estero. Si rammenta brevemente che, il "decreto ingiuntivo europeo" è stato introdotto dal regolamento n. 1896/2006 che istituisce un "procedimento europeo di ingiunzione di pagamento". Tale procedura consente al creditore – in via facoltativa – di ricorrere al ricorso al procedimento europeo o di impiegare le procedure nazionali. Il procedimento speciale disciplinato dal regolamento è applicabile ai crediti non contestati nel settore civile e commerciale, mentre restano escluse le controversie inerenti l’ambito doganale, amministrativo, fiscale, in materia di fallimenti, concordati e procedure similari, in ordine al regime patrimoniale dei coniugi, testamenti e successioni, nonché …

Le indagini patrimoniali sui debitori per il recupero del credito

Frequentemente il nostro studio si occupa di recupero del credito, sia a favore di cittadini che di imprese.
Naturalmente le modalità di recupero sono diverse a seconda della tipologia di credito in questione, ossia se si tratta di un'azione da effettuare sulla base di un titolo esecutivo già esistente ed autonomamente azionabile (es: un assegno o una cambiale) o, se viceversa, ci si debba preventivamente munire di un titolo da far valere nei confronti del debitore (es: decreto ingiuntivo per mancato pagamento fatture).
Infatti, prima di poter aggredire il patrimonio di un debitore è indispensabile essere in possesso di un titolo a cui la legge riconosce "efficacia esecutiva" e, cioè, di un atto o di un documento che consenta di avviare, dopo una preventiva intimazione di pagamento (c.d. precetto), una procedura esecutiva (pignoramento) sui beni dello stesso, al fine di soddisfare il proprio credito.
La legge riconosce efficacia esecutiva ad una serie di documenti, tra …

Chiusura per ferie e orari estivi dello studio

Comunichiamo che lo studio legale Curci & Genovese rimarrà chiuso per ferie dal 5.08 al 18.08.2013 e, pertanto, in detto periodo non sarà possibile, nè ricevere clienti, nè essere raggiunti telefonicamente ai recapiti telefonici.
Resta, comunque, sempre possibile contattarci via email all'indirizzo info@emiliocurci.net che viene consultato in tempo reale dai nostri avvocati al fine di fissare appuntamenti e/o colloqui per esigenze straordinarie che si dovessero verificare nel detto periodo.
Ricordiamo, in ogni caso, che è possibile stabilire dei contatti con i nostri professionisti, anche fuori studio, in modalità telematica così come meglio specificato nella nostra pagina, previo apposito appuntamento sempre da fissare tramite richiesta inoltrata all'indirizzo info@emiliocurci.net.
L'attività di studio riprenderà a partire dal giorno 19 agosto, sebbene in modalità ridotta. 
Per tali motivi, fino al successivo giorno 26, vi preghiamo di prediligere lo strumento della …