Passa ai contenuti principali

Al via la procedura per i nuovi flussi immigrazione 2012: autorizzati 13.850 ingressi di lavoratori in Italia

Segnaliamo che, dalle 9 del 7 diembre sino alle ore 24 del 30 giugno 2013 sarà possibile attivare la procedura on line finalizzata ad ottenere l'autorizzazione all'ingresso in Italia di 13.850 lavoratori stranieri non stagionali, così come previsto dal c.d. "Decreto Flussi 2012".

E' quanto prevede la circolare congiunta Interno-Lavoro del 26 novembre 2012, n.7301 che contiene le modalità di attuazione di quanto previsto dal decreto del presidente del Consiglio dei ministri 16 ottobre 2012 (pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n.273, del 22 novembre scorso) che come detto autorizza l'ingresso in Italia di 13.850 lavoratori stranieri.

Di questi, 2000 posti sono riservati a cittadini stranieri residenti all'estero che svolgono attività di lavoro autonomo (imprenditori, liberi professionisti, soci di società non cooperative e artisti di chiara fama internazionale o di alta qualifica professionale), mentre soltanto 100 per motivi di lavoro subordinato non stagionale e per motivi di lavoro autonomo sono riservati in favore di lavoratori di origine italiana per parte di almeno uno dei genitori fino al terzo grado di linea diretta di ascendenza, residenti in Argentina, Uruguay, Venezuela e Brasile.

Queste 2.100 unità si aggiungono alla quota di 4.000 ingressi di cittadini stranieri che abbiano completato i programmi di formazione e di istruzione nel Paese di origine (come previsto dall'articolo 23 del decreto legislativo n.286/1986), secondo quanto già previsto dal decreto del presidente del consiglio dei ministri 13 marzo 2012.

I restanti 11.750 posti sono invece, riservati a lavoratori che possano convertire in permessi di soggiorno per lavoro autonomo e subordinato altre tipologie di permesso di cui sono già in possesso secondo i seguenti criteri:

- 4.000 quote riservate a chi ha già un permesso di soggiorno per lavoro stagionale da convertire in permesso di soggiorno per lavoro subordinato non stagionale;

- 6.000 quote riservate a chi ha un permesso di soggiorno per studio, tirocinio e/o formazione professionale da convertire in permesso di soggiorno per lavoro subordinato non stagionale;

- 1.000 quote riservate a chi ha un permesso di soggiorno per studio, tirocinio e/o formazione professionale da convertire in permesso di soggiorno per lavoro;

- 500 quote riservate a chi ha un permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo rilasciato non dall’Italia ma da altro Stato membro dell’Unione europea;

- 250 quote riservate a chi ha un permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo rilasciati da altro Stato membro dell’Unione europea da convertire in permesso di soggiorno per lavoro autonomo.

Le quote di ingressi per lavoro subordinato saranno ripartite tra le direzioni territoriali del lavoro del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali in base alle domande pervenute agli Sportelli unici per l'immigrazione, per allineare le richieste presentate con i fabbisogni registrati sul territorio.

La circolare sopra indicata contiene anche la modulistica da compilare, in base alle singole situazioni, per accedere alla procedura.

Si tratta di 8 modelli differenti che sarà possibile precompilare on line a partire dalle ore 8 del 4 dicembre ed anche il relativo invio potrà avvenire unicamente con modalità elettroniche.

Le domande saranno trattate in base all'ordine cronologico di presentazione ed il relativo stato di avanzamento potrà essere verificato all'indirizzo http://domanda.nullaostalavoro.interno.it.

In caso di necessità il nostro studio è disponibile ad assistere il cittadino straniero nella compilazione e inoltro della domanda.

Commenti

Post popolari in questo blog

Inoltrate le prime due richieste di decreto ingiuntivo europeo dallo Studio

In data odierna sono state inoltrate a mezzo posta, presso due uffici giudiziari di altrettanti Stati membri dell'Unione (Spagna e Bulgaria), per conto di una società cliente dello Studio le prime due richieste di decreto ingiuntivo europeo nei confronti di società con sede all'estero. Si rammenta brevemente che, il "decreto ingiuntivo europeo" è stato introdotto dal regolamento n. 1896/2006 che istituisce un "procedimento europeo di ingiunzione di pagamento". Tale procedura consente al creditore – in via facoltativa – di ricorrere al ricorso al procedimento europeo o di impiegare le procedure nazionali. Il procedimento speciale disciplinato dal regolamento è applicabile ai crediti non contestati nel settore civile e commerciale, mentre restano escluse le controversie inerenti l’ambito doganale, amministrativo, fiscale, in materia di fallimenti, concordati e procedure similari, in ordine al regime patrimoniale dei coniugi, testamenti e successioni, nonché …

Le indagini patrimoniali sui debitori per il recupero del credito

Frequentemente il nostro studio si occupa di recupero del credito, sia a favore di cittadini che di imprese.
Naturalmente le modalità di recupero sono diverse a seconda della tipologia di credito in questione, ossia se si tratta di un'azione da effettuare sulla base di un titolo esecutivo già esistente ed autonomamente azionabile (es: un assegno o una cambiale) o, se viceversa, ci si debba preventivamente munire di un titolo da far valere nei confronti del debitore (es: decreto ingiuntivo per mancato pagamento fatture).
Infatti, prima di poter aggredire il patrimonio di un debitore è indispensabile essere in possesso di un titolo a cui la legge riconosce "efficacia esecutiva" e, cioè, di un atto o di un documento che consenta di avviare, dopo una preventiva intimazione di pagamento (c.d. precetto), una procedura esecutiva (pignoramento) sui beni dello stesso, al fine di soddisfare il proprio credito.
La legge riconosce efficacia esecutiva ad una serie di documenti, tra …

Il nostro studio ha aderito al circuito di convenzioni Amica Card

Dal mese di marzo 2012 il nostro studio legale è entrato a far parte dell'elenco dei partners del circuito nazionale Amica Card.
Si tratta di una convenzione che consente a tutti gli associati del circuito di ottenere numerosi benefici economici offerti dai partners aderenti, tra cui anche svariati studi professionali.
Per tutte le informazioni è possibile cliccare sull'indirizzo www.amicacard.it e cercare il nominativo del nostro studio legale nell'apposita maschera di ricerca.
Invitiamo, dunque, tutti coloro che siano già titolari della carta Amica Card che abbiano necessità di assistenza legale a visualizzare la vetrina virtuale del nostro studio e a contattarci ai nostri recapiti.