Passa ai contenuti principali

Il processo telematico è alle porte: il nostro studio è pronto

Segnaliamo a tutti i nostri clienti che, a far data dal 30.06.2014 entrano in vigore importanti novità per quanto riguarda il deposito degli atti nell'ambito dei procedimenti civili.

E' stato, infatti, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 24.06.2014 n.114 serie generale il Decreto Legge 24/06/2014 n. 90 contenente “Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l'efficienza degli uffici giudiziari”.

In particolare, il capo II reca il titolo “Disposizioni per garantire l'effettività del processo telematico” ed è dedicato al funzionamento del Processo Civile Telematico (in gergo PCT) occupandosi di definire i termini per la sua definitiva entrata in vigore nonchè altre importanti novità in materia.

In sostanza, ai sensi delle nuove disposizioni, nei termini che indicheremo di seguito, nell'ambito di taluni procedimenti non sarà più possibile depositare la copia cartacea dell'atto elaborato dallo studio legale, ma lo stesso dovrà essere obbligatoriamente trasmesso in Tribunale in modalità telematica.

In particolare l'art. 44 del DL 90/2014 prevede l'obbligatorietà del deposito telematico esclusivamente per i procedimenti dinanzi al tribunale ordinario avviati a far data dal 30/06/2014 (con esclusione dunque della Corte di Appello), mentre per i procedimenti iniziati prima di tale data il deposito in modalità telematica sarà obbligatorio soltanto a decorrere dal 31/12/2014. Fino a tale data, pertanto, per tutti i "vecchi" procedimenti il deposito telematico degli atti sarà facoltativo.

Per i processi esecutivi di cui al libro III del codice di procedura civile la obbligatorietà del deposito telematico si applicherà successivamente al deposito dell'atto con cui inizia l'esecuzione.

Riguardo agli altri procedimenti civili, contenziosi o di volontaria giurisdizione, avanti alle Corti di appello i depositi telematici saranno obbligatori soltanto decorrere dal 30/06/2015, mentre prima continueranno ad essere facoltativi.

Il nostro studio che, da oltre due anni è in grado di effettuare depositi telematici e lo ha già fatto in diversi tribunali nazionali è già pronto per adeguarsi ai nuovi obblighi normativi potendo così garantire ai propri clienti un regolare svolgimento di tutte le attività processuali.

Commenti

Post popolari in questo blog

Inoltrate le prime due richieste di decreto ingiuntivo europeo dallo Studio

In data odierna sono state inoltrate a mezzo posta, presso due uffici giudiziari di altrettanti Stati membri dell'Unione (Spagna e Bulgaria), per conto di una società cliente dello Studio le prime due richieste di decreto ingiuntivo europeo nei confronti di società con sede all'estero. Si rammenta brevemente che, il "decreto ingiuntivo europeo" è stato introdotto dal regolamento n. 1896/2006 che istituisce un "procedimento europeo di ingiunzione di pagamento". Tale procedura consente al creditore – in via facoltativa – di ricorrere al ricorso al procedimento europeo o di impiegare le procedure nazionali. Il procedimento speciale disciplinato dal regolamento è applicabile ai crediti non contestati nel settore civile e commerciale, mentre restano escluse le controversie inerenti l’ambito doganale, amministrativo, fiscale, in materia di fallimenti, concordati e procedure similari, in ordine al regime patrimoniale dei coniugi, testamenti e successioni, nonché …

Le indagini patrimoniali sui debitori per il recupero del credito

Frequentemente il nostro studio si occupa di recupero del credito, sia a favore di cittadini che di imprese.
Naturalmente le modalità di recupero sono diverse a seconda della tipologia di credito in questione, ossia se si tratta di un'azione da effettuare sulla base di un titolo esecutivo già esistente ed autonomamente azionabile (es: un assegno o una cambiale) o, se viceversa, ci si debba preventivamente munire di un titolo da far valere nei confronti del debitore (es: decreto ingiuntivo per mancato pagamento fatture).
Infatti, prima di poter aggredire il patrimonio di un debitore è indispensabile essere in possesso di un titolo a cui la legge riconosce "efficacia esecutiva" e, cioè, di un atto o di un documento che consenta di avviare, dopo una preventiva intimazione di pagamento (c.d. precetto), una procedura esecutiva (pignoramento) sui beni dello stesso, al fine di soddisfare il proprio credito.
La legge riconosce efficacia esecutiva ad una serie di documenti, tra …

Il nostro studio ha aderito al circuito di convenzioni Amica Card

Dal mese di marzo 2012 il nostro studio legale è entrato a far parte dell'elenco dei partners del circuito nazionale Amica Card.
Si tratta di una convenzione che consente a tutti gli associati del circuito di ottenere numerosi benefici economici offerti dai partners aderenti, tra cui anche svariati studi professionali.
Per tutte le informazioni è possibile cliccare sull'indirizzo www.amicacard.it e cercare il nominativo del nostro studio legale nell'apposita maschera di ricerca.
Invitiamo, dunque, tutti coloro che siano già titolari della carta Amica Card che abbiano necessità di assistenza legale a visualizzare la vetrina virtuale del nostro studio e a contattarci ai nostri recapiti.